6.9 C
Veneto
Ven, 2 Dicembre 2022

Escursioni Pale di San Martino

Le Pale di San Martino costituiscono il gruppo montuoso più esteso delle Dolomiti, nonchè uno dei più affascinanti. Meta di tanti escursionisti appassionati di montagna.

Si trovano tra la provincia di Trento e quella di Belluno, e ospitano il Parco naturale Paneveggio, un’area protetta del Trentino istituita nel 1967.

Le Pale di San Martino devono il loro nome alla vicina località di San Martino di Castrozza. Ma non solo.
Si tratta di una serie di alte vette vertiginose, dalla forma aguzza e frastagliata.
Da qui il termine “pala”, che sta a indicare proprio i rapidi pendii che caratterizzano queste cime. Opera dell’erosione di venti e precipitazioni, avvenuta nel corso delle varie ere geologiche.

Questo gruppo montuoso fu scoperto “solo” nel 1788 dallo scalatore Dèodat de Dolomieu nel 1788, a cui si deve anche il termine Dolomiti.
Ma l’origine è ben più antica.
La nascita delle Pale di San Martino risale infatti ad oltre 300 milioni di anni fa.
Il territorio era caratterizzato da un mare poco profondo e pieno di coralli, motivo per il quale oggi queste creste montuose assumono al tramonto bellissime sfumature colorate tendenti al rosa.

Cimon della Pala, Cima della Vezzana, Rosetta alla Pala, Sasso Maor, Cima Canali, Anger: sono solo alcune delle vette più famose, di quella meravigliosa opera naturale che prende il nome di Pale di San Martino.

Una delle grandi particolarità è data dal fatto che queste cime montuose, disposte come a formare un anello, circoscrivono un pianoro molto suggestivo.
Si tratta del leggendario Altopiano delle Pale, situato oltre 2500 metri di altitudine e che ha affascinato scalatori e viaggiatori fin dall’Ottocento.

Ben 50 kmq di natura pura, con le bellissime pale sullo sfondo.
Da far perdere la testa anche ai non appassionati di montagna.

Non è così difficile quindi comprendere come le Pale di San Martino rappresentino una zona super frequentata da tanti escursionisti di ogni età.
Sono davvero molti i sentieri qui presenti: si va da alcuni più facili e pianeggianti, come l’escursione della Val Canali, ad altri di livello medio come l’anello della Pala.
Fino a trekking più impegnativi anche di più giorni, come l’Alta Via nr.2, per climbers più esperti.

Senza dimenticare i bellissimi percorsi da fare in sella ad una bici, anche questi ultimi di varia difficoltà.
Pedalando in mezzo a prati pianeggianti circondati dalle montagne.
O lungo pendii ripidi e scoscesi per chi ama avventurarsi in mountain bike.
Tra malghe e rifugi caratteristici, dove fermarsi per una piccola sosta, un pranzo o un pernottamento completo di uno o più giorni.

Anello della Pala di San Martino

Si tratta di uno dei trekking più famosi dell’ intero gruppo montuoso delle Pale di San Martino, che ha come protagonista il bellissimo altopiano.

Esistono diverse varianti che permettono di effettuare un giro ad anello intorno all’altopiano, ciascuno con difficoltà differenti.

Il percorso classico ha una lunghezza di 12 km e una durata di circa 6 ore e mezza. È costituito da diversi sali scendi, ma con un dislivello massimo non eccessivo, circa 400 metri.

Si parte del Rifugio Rosetta e, attraverso una serie di piccole salite e discese non troppo impegnative, si raggiungono nell’ordine il Rifugio Pedrotti, i passi Fradusta, Pradidali, e di Ball prima di tornare al punto di partenza.

L’itinerario ad anello della Pala di San Martino offre agli escursionisti paesaggi mozzafiato ed emozioni incredibili fin da subito. Sembra di passeggiare sulla Luna circondati dalle montagne. Davvero suggestivo!

Escursione della Val Canali

Il Tour della Val Canali è un appassionante trekking che si sviluppa ai piedi delle Pale di San Martino.
Abbraccia tutta quell’area a sud della catena montuosa, che va dalla Val Canali e si estende verso Nord Ovest fino alle famose cime.

Si tratta anche in questo caso di un percorso ad anello, che inizia e finisce in località Fosna, raggiungibile comodamente in automobile.
Da qui è un continuo di prati, baite, malghe e rifugi, circondati dalla natura.
Man a mano che si prosegue con la camminata, le Pale di San Martino si avvicinano sempre di più, e invogliano a fermarsi più e più volte.
Per scattare tante belle foto, o semplicemente per ammirare lo splendido panorama e rilassarsi.

L’escursione della Val Canali non è particolarmente impegnativa, e non richiede quindi particolare allenamento. Tuttavia è piuttosto lunga, e quindi non proprio adatta a tutti.
La definirei di difficoltà media, ed è consigliata per chi ha intenzione di camminare una giornata intera.

Alta Via nr. 2 sulle Pale di San Martino

Questo trekking è forse uno dei più impegnativi che si possano fare sulle Dolomiti. Ma allo stesso tempo probabilmente anche uno dei più intensi ed emozionanti.

Nasce come l’unione di più sentieri tra le località di Bressanone a Feltre, per un totale di circa 150 km suddivisi in più tappe.
L’Alta Via nr.2, oltre alle Pale di San Martino tocca anche altri gruppi montuosi dolomitici, come la Marmolada, le Vette Feltrine e il gruppo Sella.
Data la moltitudine di opzioni sentieristiche, si può decidere il tipo di itinerario da compiere in base ai propri tempi e livello di allenamento.

L’escursione Alta Via nr.2 sulle Pale di San Martino è nota anche come la Via delle Leggende: attraversa luoghi ricchi di storie che si mischiano a miti e credenze popolari curiose.
Uno dei posti più caratteristici è l’affascinante Piazza del Diavolo sulle vette Feltrine, che si dice sia abitata da diavoli e spettri.
Non mancano inoltre racconti fantastici con protagonisti orchi e streghe, che secondo la leggenda popolavano alcuni ghiacciai della zona.

 

Le Pale di San Martino sono una garanzia assoluta per tutti gli appassionati di natura e trekking.
Sono assolutamente da non perdere se si visita il Trentino; una delle prime mete (se non la prima in assoluto) che vi consiglio se state pianificando un viaggio sulle Dolomiti.

Vuoi saperne di più di MontagneTop?

Contattaci
Salvatore Marrahttp://www.ilmondoattraverso.com
Sono un travel blogger, accompagnatore turistico e appassionato viaggiatore. Abruzzese residente a Torino, dal 2018 curo e gestisco il mio blog Il Mondo Attraverso, in cui racconto le mie esperienze, dall'Abruzzo in giro per il Mondo. Nel 2019 ho intrapreso il percorso di studi per diventare accompagnatore turistico, acquisendo l'abilitazione alla professione nel 2020. Oggi collaboro come tour leader, blogger e consulente con diverse realtà turistiche, quali tour operators, enti del turismo, strutture ricettive, associazioni. Ho da sempre in mente l' idea del viaggio inteso come esperienza intrisa di emozioni, il più possibile inclusiva e accessibile.

ARTICOLI CORRELATI

- Advertisement -

    Vuoi contattarci?

    Compila il form qui sotto



    ULTIMI ARTICOLI